La tristissima storia dell'elefante Sambo Il Messaggero

In Thailandia, Cambogia, Laos e Vietnam è diffusa la pratica di utilizzare gli elefanti asiatici per trasportare materiali e, soprattutto turisti. I tour, però, sono sempre più stancanti e nella maggior parte dei casi le condizioni in cui vivono i poveri pachidermi sono al limite delle proprie possibilità fisiche.

Sambo è morta mentre portava i turisti in un tempio © Facebook Sambo è morta mentre portava i turisti in un tempio

Infatti, sempre più spesso ci ritroviamo a parlare di esemplari stramazzati al suolo all’improvviso, privi di forze, o dei maltrattamenti che subìscono. Durante la loro marcia, infatti, le povere bestie vengono punte sulla loro pelle con un particolare uncino, al fine di stimolarne la camminata. Il più delle volte, però, questo arnese provoca delle ferite più o meno profonde che vengono tranquillamente ignorate e sono dunque soggette ad infezioni.

Oggi torniamo a parlare di una morte: si tratta di un elefante femmina, Sambo. Prima di crollare al suolo in preda ad un attacco cardiaco letale, aveva trasportato alcuni turisti per 40 minuti a 40 gradi all’interno del tempio Angkor Wat, in Cambogia. Le foto che la ritraggono priva di vita al suolo stanno facendo il giro del mondo e stanno scatenando l’indignazione di tutti gli amanti degli animali.

ALTRO SU MSN: 

Cosa fare se la targa dell’auto si rovina?

Riproduci nuovamente video